art italia
Re d’Italia Art, gli artisti italiani all’Artexpo di New York per conquistare gli Stati Uniti
2 Aprile 2019
grande fratello 16
Grande Fratello 16, i primi 4 nomi dividono il web: ecco perché
2 Aprile 2019

Giancarlo Magalli e la lite con Adriana Volpe: ‘Io a processo? Il Gup deve ancora decidere’

magalli volpe

Giancarlo Magalli rinviato a giudizio per diffamazione”.  La vicenda ha fatto il giro del web ma il conduttore, attraverso il profilo Facebook, ha precisato che le cose non stanno proprio così. La vicenda risale al maggio 2017 quando Magalli fu protagonista di un’infuocata lite, nel corso della trasmissione I fatti vostri, con Adriana Volpe. Quest’ultima fu accusata dal collega di essere un “rompi …. “. Il settantunenne romano finì nel mirino del web per il suo comportamento dei confronti dell’ex modella. Magalli replicò affermando che le donne si sentirebbero più insultate se sapessero “come fa a lavorare da 20 anni”. Da qui partì un dissing social che ha portato Adriana Volpe a querelare Magalli per diffamazione. Nelle ultime ore diversi media aveva rilanciato la notizia del rinvio a giudizio del conduttore che, in serata, ha deciso di rompere gli indugi e far chiarezza sulla questione attraverso un post pubblicato sul profilo Facebook.

Lite Magalli-Volpe, il Gip ha accolto l’istanza di opposizione all’archiviazione della conduttrice

“Dato che qualcuno si è precipitato ad inondare i giornali con comunicati dai quali sembra che io sia sotto processo e quasi in galera per avere ironizzato sui motivi per i quali una certa persona lavora, vorrei precisare che, a seguito di querela proposta da quella persona, il Pubblico Ministero, cioè colui che dovrebbe sostenere l’accusa, ha chiesto l’archiviazione per inconsistenza dei fatti” – ha spiegato Magalli che ha poi aggiunto “Quella persona ed i suoi avvocati hanno fatto opposizione all’archiviazione ed il Giudice per le Indagini Preliminari ha negato l’archiviazione, rimettendo la decisione su un eventuale giudizio al Giudice per le Udienze Preliminari. Quindi non è affatto certo che ci sarà un processo e, se dovesse esserci, non si sa come potrebbe finire, dato che la pubblica accusa non lo voleva nemmeno fare.  Questo tanto per dire le cose come stanno”. 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *