ricky martin maria de filippi
Maria De Filippi balla con Ricky Martin ad Amici 18, il filmato diventa virale (VIDEO)
21 Aprile 2019
incidente canavese
Tragico incidente nel Canavese: deceduti un ex vigile urbano e un centauro con la passione per l’aikido
21 Aprile 2019

Fabio Fognini re di Montecarlo, l’azzurro più forte dell’infortunio: primo Master 1000 (VIDEO)

fabio fognini

Ha dovuto affrontare due avversari nella stessa partita: il diritto del serbo Dusan Lajovic e, soprattutto, un infortunio muscolare che ha rischiato di precludere la sua corsa verso il suo primo titolo Master 1000. Fabio Fognini è il nuovo re di Montecarlo. Dopo tante incompiute il trentunenne sanremese centra il risultato più prestigioso di una carriera che poteva essere ancora più esaltante ma chissà che questo successo non sblocchi definitivamente l’azzurro dall’infinito ed inespresso talento. A Montecarlo ha preso a pallate un fenomeno come Nadal ed ha dimostrato maturità e freddezza mai viste in passato.

Parigi val bene una messa e chissà che questa non sia la volta buona per riconquistare il Roland Garros dopo la strepitosa marcia dello scorso anno di Cecchinato. Fognini ha regolato in un’ora e trentasei minuti con il risultato di 6-3, 6-4. La grande paura ad inizio secondo set, sul risultato di due pari, quando l’italiano ha avvertito un problema muscolare ed è stato costretto a chiamare il fisioterapista per una nuova fasciatura alla caviglia destra.

Fognini salirà al 12 posto nella classifica Atp

Fabio non ha mollato, ha stretto i denti ed è riuscito ad essere solido al servizio ed a concedere pochi spiragli all’avversario per rientrare in partita. Nel game decisivo è stato semplicemente perfetto lasciando Lajovic a zero per un’impresa che entra di diritto nella storia del tennis a zero. Con questa vittoria Fognini sale al dodicesimo posto (miglior piazzamento in carriera) nella classifica Atp, ad un passo dai top dieci, un sogno che l’azzurro potrebbe coronare facendo bene a Roma e a Parigi. Del resto ad un Fognini così nulla è precluso.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *