Stefano Tacconi
Come sta Tacconi: ‘Ho mal di testa’, l’analgesico ed il ricovero in prognosi riservata
23 Aprile 2022
Elena Morali getta il microfono e si scontra con Barbara d’Urso prima della sorpresa a La pupa e il secchione
24 Aprile 2022

Nicola ritrova Djuric e Mazzocchi ma perde Radovanovic contro la Fiorentina in un Arechi bolgia con 20mila spettatori sugli spalti. La Salernitana parte con le marce alte con uno scatenato Verdi che va vicino al gol due volte nel giro di cinque minuti. Nella prima circostanza termina sull’esterno della rete, nell’altra trova Terracciano bravo ad alzare in angolo. I granata passano dopo 9 minuti con un gran colpo di testa di Djuric.

Primo tempo super dei granata, Djuric sblocca il risultato

La Fiorentina stenta a riordinare le idee ma è ancora Djuric ad andare ad un passo dal gol con un perentorio colpo di testa su cross di Mazzocchi. I padroni di casa difendono con ordine e vanno ad un passo dal due a zero con una gran conclusione dal limite di Zortea. Nel finale Cabral sorprende Ranieri di testa ma la conclusione è centrale e Sepe blocca senza problemi.

Nella ripresa Nicola è costretto a rinunciare a Verdi per infortunio con Ribery a fare staffetta con l’ex Toro. Italiano gioca la carta Saponara per uno spento Ikonè ed i viola iniziano a prendere campo con una Salernitana che arretra troppo il baricentro e non riesce a ripartire in maniera efficace come nella prima frazione di gioco. I granata soffrono gli inserimenti di Odriozola ed è da un suo cross che nasce il gol di Saponara che raccoglie palla a centro area e fa passare la palla tra le gambe di Mazzocchi per l’1 a 1.

Saponara gela l’Arechi, Bonazzoli fa esplodere i tifosi granata

Il refrain della partita sembra spostarsi verso i viola ma Nicola trova nei cambi il gerovital che rianima la squadra. Ruggeri entra bene in partita e da una sua combinazione con Ribery nasce il gol di Bonazzoli, subentrato a Djuric, che sorprende Igor e beffa Terracciano per il 2 a 1 finale (ottava prodezza stagionale e record per l’ex Samp). La Fiorentina subisce il colpo e solo nel recupero fa tremare l’Arechi con un tiro cross di Odriozola che attraversa tutta l’area di rigore ma che non trova nessun viola pronto a deviare.

Terza vittoria consecutiva per i granata che si portano a 25 punti e tornano a sperare nella salvezza. Un tris che neanche nell’ultima stagione in serie A era riuscito. I campani non vincevano all’Arechi dal 2 ottobre. Ora la Salernitana tornerà in campo il 2 maggio con la trasferta in notturna (ore 20:45) contro l’Atalanta prima della doppia sfida casalinga con Venezia e Cagliari.

Salernitana-Fiorentina 2-1, gli highlights

Gli highlights completi di Salernitana-Fiorentina e delle altre partite della serie A saranno pubblicati sul sito di Dazn (riservato agli abbonati), su  https://www.raisport.rai.it alla sezione 90 Minuto e sono on line sul sito della Lega di serie A al link https://www.legaseriea.it/it e sul sito della Salernitana all’indirizzo https://www.ussalernitana1919.it/media/ oltre che su https://www.sportmediaset.mediaset.it/video/calcio/ e https://video.sky.it/sport/calcio/highlights-serie-a.

Le pagelle: Djuric meritava il bis, Mazzocchi devastante

Sepe 6: i viola lo impensieriscono poco ma lui dà sicurezza al reparto arretrato, sul gol non ha responsabilità.

Gyomber 7: gioca quasi tutta la partita con un giallo immeritato sulle spalle. Non sbaglia quasi nulla confermandosi baluardo del reparto.

Ranieri 7,5: copia e incolla con il compagno di reparto, pulito in marcatura, anticipa e sovrasta gli avversari.

Fazio 7: lotta con Cabral e vince il duello. Tiene a bada anche un più propositivo Piatek. Sfortunato in occasione del gol di Saponara con la sua spizzata che involontariamente favorisce la conclusione del centrocampista viola.

Mazzocchi 7: quando si accende sulla fascia sono dolori per la Fiorentina, è ispirato e prova anche qualche giocata coraggiosa.

Bohinen 7: essenziale e ordinato: recupera palloni e li distribuisce con sapienza. Va anche a bersagli ma è in fuorigioco.

Ederson 6,5: partita di sacrificio del brasiliano che aggredisce gli spazi e dà un prezioso apporto in raddoppio di marcatura. Meno ispirato in fase di rifinitura.

L. Coulibaly 7: macina chilometri e recupera palloni, fondamentale fin quando le gambe reggono. Esce stremato. (30′ st Kastanos 6: entra bene in partita come a Udine e dà un prezioso contributo alla preziosa vittoria granata prendendosi qualche prezioso fallo sul 2 a 1).

Zortea 6,5: croce e delizia a Udinese, quasi perfetto con la Fiorentina. Nella ripresa soffre Odriozola che ispira il gol di Saponara, alza bandiera bianca per i crampi. (30′ st Ruggeri 6,5: mette in mostra le sue qualità con un sontuoso anticipo dopo essere entrato da poco. Dal suo piede nasce il gol partita di Bonazzoli).

Djuric 7,5: di testa è fenomenale, sblocca il risultato e sfiora il raddoppio pochi minuti dopo. Si sacrifica ed alla fine non ne ha più e chiede il cambio. (30′ st Bonazzoli 7,5: il pistolero torna cecchino implacabile e segna un gol alla Paolo Rossi che dà una spinta fondamentale alla Salernitana in chiave salvezza. Record personale in serie A per l’attaccante granata).

Verdi 7: primo tempo da incorniciare dopo il gol partita a Udine. Sfiora tre volte il gol e si rende protagonista di un paio di giocate sopraffine. Esce per infortunio.(1′ st Ribery 6: partita di grande sacrificio per il francese che duetta con Ruggeri in occasione del gol e si procura un paio di preziosi falli nei concitati minuti di recupero).

Verdi batte a rete da buona posizione
ma colpisce l’esterno della rete
Terracciano salva su Verdi
Verdi calcia a botta sicura ma una provvidenziale deviazione di un difensore viola salva la Fiorentina
Djuric prende il tempo a Ikè…
…. e supera Terracciano
La curva in visibilio per il gol di Djuric
Djuric esulta con Ranieri
Il tiro a giro di Zortea non termina distante dai pali di Terracciano
Saponara batte a rete e….
… supera Sepe per il momentaneo pareggio viola
Fabio Cannavaro allo stadio Arechi
Bonazzoli soprende Ikè e regala la vittoria ai granata
un gol alla… Paolo Rossi per l’attaccante granata
Il perentorio anticipo di Federico Bonazzoli
L’incontenibile gioia di Bonazzoli

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.