da como a Fano
Litiga con la moglie a Como e cammina a piedi fino a Fano, l’epilogo è ‘salato’
1 Dicembre 2020
Elliot Page
Ellen Page indica la strada e sfida ipocrisia e omofobia: ‘Sono trans, mi chiamo Elliot e i miei pronomi sono…’
1 Dicembre 2020

Covid 19, lavoravano al Cardarelli di Napoli come ortopedico e anestesista: coniugi muoiono a distanza di una settimana

cosimo russo ortopedico

Lui apprezzato ortopedico, lei anestesista all’ospedale Cardarelli di Napoli. Marito e moglie sono morti a distanza di una settimana dopo aver contratto il Covid 19. Oltre ai numeri di un bollettino (di guerra) ci sono vite umane che lottano contro un virus che presenta ancora lati oscuri.

Cosimo Russo e Paola De Masi sono deceduti a distanza di 7 giorni, coronavirus fatale

Ci sono uomini e donne impegnati in prima linea per aiutare chi sta soffrendo, per offrire professionalità e conforto nel tentativo di rendere meno duri quei giorni trascorsi in un letto di ospedale. Generosità e dedizioni che non li pongono al riparo dai rischi del subdolo coronavirus.

Cosimo Russo e Paola De Masi si sono ammalati quasi contemporaneamente. L’ortopedico, 73 anni, era andato in pensione dopo aver lavorato per molti anni al Cardarelli di Napoli. Le sue condizioni si sono rapidamente aggravate e la settimana scorsa a parenti e amici è stata comunicata la notizia della scomparsa.

Il ricordo dei colleghi del Cardarelli

Un grande ortopedico, un bravo e semplice medico, un amico e un punto di riferimento. Un momento triste per quelli nati e vissuti al Cardarelli” – ha commentato un medico del nosocomio napoletano. A distanza di una settimana anche la moglie, la sessantenne Paola De Masi, si è arresa al Covid 19. Increduli i colleghi della donna che aveva lavorato al Cardarelli come anestesista.

Sale il numero di medici contagiati, allarme al Cardarelli

“Notizia terribile, era una persona scrupolosa, una professionista estremamente attenta” – hanno riferito gli ex colleghi che stanno vivendo giorni di grande paura e tensione. “Chiediamo che si intervenga subito, siamo spaventati. Il numero dei medici ammalati è salito vertiginosamente in questi giorni. Diversi casi si sono registrati al pronto soccorso e in urologia”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *