vaccino Australia
Coronavirus, in Australia via libera a Mesoblast per i test con le cellule staminali
9 Aprile 2020
giuseppe conte
Coronavirus, lockdown fino al 2 maggio
9 Aprile 2020

Il Decreto Scuola è stato firmato da Mattarella, Presidente della Repubblica, e pubblicato ieri in Gazzetta Ufficiale nella tarda serata di ieri, 8 aprile 2020. Nove gli articoli previsti dal Decreto Legge numero 22.

Mattarella ha firmato il Decreto Scuola

Tra questi le misure urgenti per gli Esami di Stato e la regolare valutazione dell’anno scolastico 2019/2020. Viene precisato che “nel caso in cui l’attività didattica in presenza delle istituzioni del sistema nazionale di istruzione non riprenda entro il 18 maggio 2020 ovvero per ragioni sanitarie non possano svolgersi esami in presenza, oltre alle misure di cui al comma 3, in quanto compatibili, le ordinanze di cui al comma 1 disciplinano:

Decreto Scuola 2020, esami di stato: cosa cambia nel caso l’attività non riprenda il 18 maggio

  • a) le modalità, anche telematiche, della valutazione finale degli alunni, ivi compresi gli scrutini finali, in deroga all’articolo 2 del decreto legislativo n. 62 del 2017 e all’articolo 4 del decreto del Presidente della Repubblica n. 122 del 2009;
  • b) la sostituzione dell’esame di Stato conclusivo del primo ciclo di istruzione con la valutazione finale da parte del consiglio di classe che tiene conto altresì di un elaborato del candidato, come definito dalla stessa ordinanza, nonché le modalità e i criteri per l’attribuzione del voto finale, con specifiche disposizioni per i candidati privatisti, salvaguardando l’omogeneità di svolgimento rispetto all’esame dei candidati interni, in deroga agli articoli 8 e 10 del decreto legislativo n. 62 del 2017;
  • c) l’eliminazione delle prove scritte e la sostituzione con un unico colloquio, articolandone contenuti, modalità anche telematiche e punteggio per garantire la completezza e la congruità della valutazione, e dettando specifiche previsioni per i candidati esterni, per l’esame di stato conclusivo del secondo ciclo di istruzione, in deroga agli articoli 17 e 18 del decreto legislativo n. 62 del 2017;
  • d) la revisione, nel limite delle risorse finanziarie disponibili a legislazione vigente, dei criteri di attribuzione dell’eccellenza e del relativo premio, anche in deroga all’articolo 2 del decreto legislativo 29 dicembre 2007, n. 262, al fine di tutelare la piena valorizzazione dell’eccellenza tenendo conto delle misure adottate ai sensi del comma

Di seguito il testo completo del Decreto Scuola pubblicato in Gazzetta Ufficiale:

https://www.gazzettaufficiale.it/eli/gu/2020/04/08/93/sg/pdf

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *