Padre Carrabs
Padre Osvaldo Carrabs muore di Covid 19, convento di San Pio in lutto: 11 frati contagiati a San Giovanni Rotondo
24 Novembre 2020
coronavirus tampone video
Campania coronavirus, seconda ondata devastante: 78 morti in tre giorni
24 Novembre 2020

Locatelli: ‘Attività sciistica non compatibile con l’attuale situazione epidemiologica’

attività sciistica

L’attività sciistica non è compatibile con l’attuale situazione epidemiologica”. Franco Locatelli, presidente del Consiglio Superiore della Sanità, non lascia molti margini alla riapertura delle stazioni sciistiche in vista delle festività natalizie nel giorno in cui si registra il picco dei decessi della seconda ondata con 853 morti.

Gianni Rezza: ‘Lo scorso febbraio gli skilift erano pieni, situazione che ha contribuito ad alimentare la diffusione’

Durante la conferenza stampa di oggi, 24 novembre, si è soffermato sulla questione che nelle ultime ore ha acceso nuovi dibatti con campioni come Alberto Tomba e Federica Brignone che si sono schierati a favore della riapertura degli impianti. “C’è tanta gente che ama sciare e c’è un grande business inerente il mondo dello sci e della montagna.

Dall’altra parte l’anno scorso a febbraio gli impianti di skilift erano pieni e contribuirono ad alimentare la diffusione del Covid 19 anche perché oltre a sciare si deve anche mangiare, dormire” – ha spiegato Gianni Rezza, Direttore Generale della Prevenzione presso il Ministero della Salute.

‘Facciamo ancora un po’ di sacrifici per evitare una terza ondata’

“Credo sia necessario un coordinamento Europeo, su quest’argomento bisogna essere estremamente cauti perché non vorrei che con attenuazione delle misure adottate, ed un conseguente rilassamento, si arrivasse a gravissime conseguenze. Dobbiamo resistere ancora un po’, abbiamo visto che senza un lookdown completo siamo riusciti a contenere un po’ la diffusione del virus” – ha aggiunto Gianni Rezza.

Facciamo ancora un po’ di sacrifici per evitare la terza ondata per arrivare ai mesi primaverili per una vaccinazione di massa e magari l’anno prossimo andremo tutti a sciare”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *