insp reddito emergenza
Indennità 600 euro 1 aprile: come fare la richiesta
31 Marzo 2020
rapporti intimi
Coronavirus, girano video audaci a 3 in strada a Rimini: ‘La quarantena la passiamo così, non ci importa di nulla’
31 Marzo 2020

Una nuova precisazione del Ministero dell’Interno per quanto concerne gli spostamenti che già fa discutere. In particolare nella circolare pubblicata oggi 31 marzo dal Viminale viene precisato che è consentito ad un genitore passeggiare con il figlio minore seguendo le disposizioni vigenti relative alle misure stabilite per evitare di diffondersi l’epidemia da coronavirus:

Un solo genitore potrà camminare con il figlio minore

“Per quanto riguarda gli spostamenti di persone, è consentito a un solo genitore camminare con i propri figli minori; tale attività può essere ricondotta alle attività motorie all’aperto, purché in prossimità della propria abitazione. La stessa attività può essere svolta inoltre nell’ambito di spostamenti motivati da situazioni di necessità o per motivi di salute”.

La passeggiata nelle vicinanza dell’abitazione

Un provvedimento che ha subito acceso discussioni sil web. Non sono mancate critiche visto che nella battaglia al contenimento dell’epidemia si è probabilmente arrivati al momento cruciale. Nella circolare viene precisato che non è consentito svolgere attività ludica o ricreativa all’aperto e accedere ai parchi, alle ville, alle aree gioco e ai giardini pubblici, la circolare evidenzia che l’attività motoria generalmente consentita non va intesa soltanto come equivalente all’attività sportiva (jogging).

La circolare conferma il divieto di fare jogging

L’articolo 1 del decreto del Presidente del Consiglio dei ministri del 9 marzo scorso, infatti, tiene distinte le due ipotesi, potendosi far ricomprendere nella prima il camminare in prossimità dell’abitazione. 

Gli spostamenti nei pressi della propria abitazione sono giustificati anche da esigenze di accompagnamento di anziani o inabili da parte di persone che ne curano l’assistenza, purché riconducibili a motivazioni di necessità o di salute. In ogni caso, tutti gli spostamenti sono soggetti al divieto generale di  assembramento e al rispetto della distanza di sicurezza minima di un metro da ogni altra persona.

Furia De Luca: ‘Messaggio irresponsabile’

Il provvedimento del Viminale ha scatenato la reazione rabbioso del governatore della Campania Vincenzo De Luca: “Considero gravissimo il messaggio proveniente dal Ministero dell’Interno, relativo alla possibilità di fare jogging e di passeggiare sotto casa. Si trasmette irresponsabilmente l’idea che l’epidemia è ormai alle nostre spalle. 

Ribadisco che in Campania rimane in vigore l’ordinanza regionale, derivata da motivi di tutela sanitaria, la cui competenza è esclusivamente regionale. Si ribadisce che è assolutamente vietato uscire a passeggio o andare a fare jogging

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *