alessandria quargnento fermato
Tragedia Quargnento, fermato Giovanni Vincenti: il proprietario della cascina indagato per omicidio plurimo
9 Novembre 2019
taylor mega la casa di carta
Taylor Mega senza freni: ‘Mi attrae Alba Flores de La casa di carta’
9 Novembre 2019

Le malattie polmonari collegate alla sigaretta elettroniche potrebbero essere strettamente correlate alla vitamina E acetato. L’esito della ricerca è stato reso noto dal Centro per il controllo e la prevenzione delle malattie nel corso di una conferenza stampa.

Sigaretta elettronica, la ricerca del Centro per il controllo e prevenzione

Secondo i funzionari della sanità non ci sono dubbi sul fatto come i malanni polmonari legati “allo svapo” siano causati dall’ingrediente aggiunto ai prodotti a base di tetraidrocannabinolo (THC) e, quindi, alla vitamina E acetato. A dare un impulso significativo alla ricerca scientifica il bilancio drammatico degli ultimi mesi su morti presumibilmente collegate all’utilizzo di sigaretta elettronica. Nello specifico 40 le persone che hanno perso la vita mentre 2051 sono gli ammalati accertati.

Stati Uniti, numeri allarmanti: 40 morti e 2051 persone malati

Molti dei pazienti colpiti dalla misteriosa malattia sono ricoverati in ospedale in unità di terapia intensiva ed hanno bisogno di ventilatori per aiutarli a respirare. Nella maggior parte dei casi si tratta di uomini in età adulta ma non mancano anche diversi adolescenti. Negli Usa l’uso della sigaretta elettronica è molto diffuso tra i giovanissimi

‘La vitamina E acetato presente nel sangue degli ammalati’

“Per la prima volta, abbiamo rilevato una potenziale tossina preoccupante, la vitamina E acetato, da campioni biologici di pazienti con danno polmonare collegato allo svapo” – ha dichiarato la dottoressa Anne Schuchat , vicedirettore principale dei Centri per il controllo e la prevenzione delle malattie. Nel corso della conferenza stampa è stato precisato che la scoperta si basa sui campioni fluidi (prelievi di sangue) presi da 29 malati. In tutti era presente la “pericolosa tossina”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *