Buon onomastico Alessandro oggi 26 agosto: immagini e gif di auguri da condividere sui social
26 Agosto 2021
vaccino
Vaccino Moderna, Giappone sospende 1,63 milioni dosi
26 Agosto 2021

Tiziana Cantone, la perizia giurata: ‘Sarebbe stata strangolata per poi inscenare il suicidio’

Tiziana Cantone

Dalla perizia giurata firmata dal professor Mariano Cingolani, docente ordinario di Medicina Legale dell’Università di Macerata, emerge che Tiziana Cantone potrebbe essere stata strangolata con una sciarpa pashmina. In buona sostanza per l’esperto, in passato consulente nel processo Meredith Kercher, il suicidio della trentunenne di Mugnano, in provincia di Napoli, sarebbe stato una messa in scena per nascondere il delitto e depistare gli inquirenti.

Il professor Mariano Cingolani ha depositato la perizia giurata in Procura

La perizia giurata è stata chiesta dallo studio Emme Team che assiste Maria Teresa Giglio, la madre di Tiziana Cantone. L’accertamento sarà ora depositato nel corposo fascicolo del sostituto procuratore Giovanni Corona (Procura Napoli Nord) che ha riaperto il caso ed indaga per omicidio volontario. La trentunenne fu trovata morta nella sua villa il 13 settembre 2016. La giovane era stata vittima di revenge porn. Da rilevare che l’accertamento del professor Mariano Cingolani si sarebbe concentrata sulle ferite presenti sul collo di Tiziana Cantone. Si tratterebbe di due lesioni provocate in tempi diversi.

‘La seconda lesione sul collo di Tiziana Cantone ha le caratteristiche tipiche del solco da strangolamento’

“La seconda lesione reca caratteristiche tipiche del solco da strangolamento, per uniformità di profondità, continuità e andamento trasversale. La lesione due (ipotesi strangolamento) ha preceduto la lesione uno (impiccamento, suicidio)” – si legge sul quotidiano Il Mattino che fa riferimento al parere pro veritate di Cingolani nella perizia giurata di tre pagine. Evidenziato anche taglio di 2 centimetri sul lato destro del mento della donna originaria di Mugnano (Napoli).

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *