elefante
Elefantessa uccisa, un arresto e 2 indagati: ‘Noci di cocco con esplosivo per intrappolare i cinghiali’
6 Giugno 2020
balotelli
Balotelli licenziato dal Brescia, il fratello lo difende su Ig: ‘Quando la volpe… ‘
6 Giugno 2020

Usa, diffuso dal NYT il video di un altro afroamericano ucciso dagli agenti: ‘Non respiro’

manuel ellis video

Un altro afroamericano sarebbe morto dopo essere stato arrestato dalla polizia. Nella circostanza la vicenda si è verificata a Tacoma, stato di Washington. L’episodio risale al 3 marzo ed è stato diffuso in queste ore dal New York Times e ripreso da numerosi siti americani ed esteri.

Afroamericano ucciso il 3 marzo a Tacoma: diffuso il video dal New York Times

Dall’audio, registrato durante l’intervento delle forze dell’ordine, si sentirebbe Manuel Ellis urlare “Non riesco a respirare”. Questo quanto riferito dall’avvocato della famiglia dell’uomo. La polizia locale ha precisato, attraverso una nota stampa, che l’afroamericano era stato sorpreso mentre tentativo di rubare un’auto.

Manuel Ellis sarebbe stato sorpreso mentre tentava di aprire un’auto

L’uomo avrebbe opposto resistenza provocando la reazione degli agenti e la violenta colluttazione che avrebbe provocato il decesso di Ellis. I poliziotti l’avrebbero bloccato alle gambe cinquanta secondi prima che l’uomo riferisse che non riusciva a respirava. Poi subito dopo uno degli agenti ha chiesto l’intervento di un ambulanza.

La rabbia della famiglia: ‘Gridava non riesco a respirare’

“Quando ha detto che non riusciva a respirare, lo hanno tirato su un fianco e lui stava respirando e stava parlando”, ha riferito Ed Troyer, portavoce del dipartimento dello sceriffo della contea di Pierce.

Afroamericano morto a Tacoma, la versione delle forze dell’ordine

Dall’altra parte il legale della famiglia dell’afroamericano ha raccontato il dolore dei congiunti che hanno visto più volte il video degli ultimi istanti di vita del giovane e sono convinti che la morte di Ellis sarebbe stata provocata dall’operato delle forze dell’ordine.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *