ronaldo vs florenzi
Cristiano Ronaldo prende in giro Florenzi per l’altezza, social in rivolta: ‘Pessimo esempio’
13 Maggio 2019
armando e barbara
Uomini e Donne, Armando contro Barbara: ‘Ha chiesto a Roberto di restare per andare a Temptation’ (VIDEO)
13 Maggio 2019

Fake news, Facebook chiude 23 pagine da oltre 2 milioni di follower: la metà sostenevano 5 Stelle e Lega

facebook fake news

Prosegue battaglia contro la fake news lanciata tempo fa da Mark Zuckerberg. Facebook ha chiuso 23 pagine italiane con oltre 2,46 milioni di follower che trattavano per lo più tematiche politiche ed erano a sostegno del Movimento 5 Stelle e della Lega. In particolare è stato rilevato che le informazioni diffuse dalle pagine cancellate erano false ed in molti casi i contenuti incitavano all’odio ed erano divisivi soprattutto in relazione a tematiche delicate quali i migranti, anti vaccini e antisemiti.

I vertici del social network hanno deciso di intervenire in maniera vigorosa alla vigilia delle Elezioni Europee dopo un’articolata indagine del movimento Avaaz che ha fatto luce sui contenuti delle pagine che sono state successivamente cancellate da Facebook che, attraverso un portavo, ha ribadito l’impegno nel proteggere l’integrità nelle elezioni nel mondo. Nello specifico è stato evidenziato che le pagine a sostegno dei due movimenti politici avevano più seguaci di quelle ufficiali del Movimento 5 Stelle (1,4 milioni di follower) e della Lega (506 mila).

Facebook, fake news e contenuti d’odio alla base del provvedimento

Negli ultimi mesi le iterazioni si erano notevolmente intensificate ed, inoltre, la segnalazione era scattata dopo che era stata segnalata  la trasformazione di pagina apolitiche in partitiche e la diffusione di diversi profili falsi e contenuti d’odio. Il provvedimento ha riguardato, tra gli altri, la pagina Vogliamo il Movimento 5 Stelle al governo, che aveva diffuso una fake news su Roberto Saviano, e Lega Salvini Premier Santa Teresa di riva che aveva postato un video di migranti che distruggono un’auto delle forze dell’ordine. Il video, visualizzato da dieci milioni di utenti, non era altro che uno spezzone di un film.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *