Detto Fatto
Bianca Guaccero si scusa per il tutorial sulla spesa sexy: ‘Triste siparietto’, Detto Fatto sospeso
25 Novembre 2020
Laura Pausini
Fiorella Mannoia bacchetta Laura Pausini dopo il post su Maradona: ‘Polemica becera’
26 Novembre 2020

Maradona, Mughini fa arrabbiare i tifosi del Napoli: ‘Una santificazione che non posso accettare’ (VIDEO)

Diego Armando Maradona

“Le ultime immagini di Diego Armando Maradona sono raccapriccianti, era sfatto e consumato”. Fanno discutere sui social le esternazioni rilasciate da Giampiero Mughini nel corso dello Speciale Stasera Italia, condotto da Barbara Palombelli, dedicato al pibe de oro, scomparso mercoledì 25 novembre per insufficienza cardiorespiratoria.

Mughini a Stasera Italia Speciale: ‘Le ultime immagini di Maradona sono raccapriccianti’

“Sono immagini raccapriccianti dal punto di vista umano e lo dico con commozione. Ma era un essere sfatto per le sue abitudini ed ora lo facciamo diventare un santo” – ha aggiunto Mughini che ha definito Maradona un grande atleta ma anche un personaggio contraddittorio.

“La commozione in morte di Diego Armando Maradona assume dei contorni di mitologia. Gianluigi Paragone dice che quei due gol all’Inghilterra sono due provocazioni quando, invece, il gol realizzato di mano all’Inghilterra è una porcata. Nessuno si può permettere tutto. Sono morti grandi atleti come Mennea e Coppi ma non è che si permettavano di fare di tutto”.

‘Il gol di mano fu una porcata, andava da Fidel così come si recava dai camorristi’

L’opinionista si è soffermato anche sul rapporto con Fidel Castro. “Non è stato un personaggio unico ma il dittatore più longevo della storia sudamericana. Maradona andava da Fidel Castro così come andava dai camorristi napoletani. Mettere tutto assieme al fine di una santificazione che sa di retorica meridionalista che da siciliano non posso accettare” – ha chiosato Mughini. Dichiarazioni che hanno scatenato la rabbia dei tifosi del Napoli che sul web hanno puntato l’indice contro lo scrittore.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *