dpcm 26 ottobre
Dpcm 7 ottobre, in arrivo misure più stringenti: dalle mascherine agli orari di chiusura, tutte le novità
5 Ottobre 2020
Tommaso Zorzi
GF Vip, Tommaso Zorzi perde le staffe ed apre la porta rossa: ‘Dolore insopportabile’
5 Ottobre 2020

Alberto Tarallo a Non è l’Arena: ‘Adua Del Vesco ha fatto cacciare Morra dalla gabbia dorata, storia finta’ (VIDEO)

Alberto Tarallo Non è l'Arena

Il produttore della Ares Film, dichiara fallita ad inizio 2020, Alberto Tarallo ha rotto gli indugi ed ha deciso di raccontare la sua verità a Non è l’Arena, condotto da Massimo Giletti, dopo le affermazioni di Adua Del Vesco e Massimiliano Morra nel corso di una conversazione nella casa del GF Vip. “Lucifero, lui è il male assoluto” – una delle espressioni utilizzate dai due attori che hanno fatto parte dell’Ares che ha prodotto le principali fiction Mediaset.

Lo sfogo di Alberto Tarallo da Giletti: ‘Qui per difendere la memoria di Teodosio Losito’

“Per me è molto dura, la riservatezza è uno dei punti fermi della mia vita professionale. Se sono venuto qui è anche per difendere la memoria del mio compagno Teodosio Losito”. Tarallo ha raccontato che un amico gli ha riferito, durante un pranzo di lavoro, che era stato definito lucifero. “Hanno riaperto tante ferite ed ora provo soltanto schifo”. Dopo aver parlato della sua vita privata e del coming out. “Dire una cosa del genere negli anni ‘60 ad una famiglia molto cattolica è stata molto difficile da accettare ma devo dire grazie a mia madre per quello che ha fatto per me”.

‘Adua mi scriveva parole piene d’amore, qualcuno ha lavorato su questo rancore’

Il produttore ha raccontato del rapporto particolare con Adua Del Vesco. “Mi scriveva lettere piene d’amore e di riconoscenza. Ho trovato il cellulare di Teo ed ho trovato tutte le chat che faceva con Adua e sono riaffiorati ricordi molto angosciosi. E’ stato un anno molto particolare perché Teo è entrato in depressione ed anche Adua stava male”. Per Tarallo qualcuno ha “lavorato sul questo rancore un po’ infantile provato da Adua e Massimiliano per architettare qualcosa contro di me e Mediaset e i conduttori non centrano nulla” – ha precisato Alberto Tarallo. “E’ qualcosa che viene dal passato”.

‘Non c’era nessuna costrizione, la love story tra Massimiliano e Adua inventata a tavolino’

Il produttore è entrato nei dettagli parlando della “gabbia dorata” descritta dai due attori. “Non c’era nessuna costrizione. Nei periodi in cui si lavorava c’erano dei ritmi molto duri con sveglia alle 5 del mattino. Adua non poteva frequentare il fidanzato? Non sapevo neanche che lo avesse e poi bisogna vedere se davvero lui e Massimiliano stavano insieme”. Sulla love story è stato perentorio. “La loro storia è completamente finta e fu inventata a tavolino da me, Lucherini e Sandro Mayer. E’ finta come sono finti loro in questo momento. Inoltre abbiamo prestato alla madre ed alla sorelle di Adua una casa quando sono venute a trovarle e Teo era costamentemente a telefono con loro”.

‘Adua si lamentava di Garko con Teo nel periodo dell’anoressia’

Il produttore ha parlato anche del periodo in Adua Del Vesco è stata male per via dell’anoressia. “Non capisco come Gabriel abbiamo potuto aiutarla in quel periodo perché ho letto negli screenshot di Teo che lei si lamentava del comportamento di Garko. Io gli avevo suggerito di andare in una clinica dove avremmo pagato 900 euro. Teo, che aveva un animo più sensibile del mio, si voleva caricare anche di questo peso. In ogni caso l’ho aiutato nei limiti del possibile”.

Un’ultima stoccata sulla storia sulla love tra l’attrice con Massimiliano Morra. “Credo che Adua sia manipolata, ma forse è un po’ nella sua natura fare queste giravolte. Se parla di una grande storia d’amore con Morra per due anni io cado dalle nuvole perché è stata lei a costringere Teo a mandarlo via dalla gabbia d’oro. Le ragioni non voglio citarle perché finiremmo nel gossip”.

Il dolore per l’ex compagno: ‘Non posso tollerare che si parli di istigazione al suicidio’

Alberto Tarallo ha riferito di aver provato “schifo” nel sentire quanto affermato sul compagno Teodosio Losito (21 anni insieme) che si è tolto la vita a 53 anni l’8 gennaio 2019. “Morra è stato allontanato da Teo spinto da Adua per una cosa gravissima che non posso dire. Ma la cosa che più mi ha fatto male è sentir parlare di istigazione al suicidio. Non posso tollerarlo, so chi è la persona che ha macchinato tutto questo, so chi sei: vergognati”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *