Natale in canile Salerno 15 dicembre
Natale in canile Salerno, domenica 15 dicembre appuntamento con i ‘pelosetti’ in cerca di affetto
11 Dicembre 2019
concorso polizia municipale Genova
Concorso al Comune di Genova per 55 posti di funzionari di polizia municipale: il bando completo
11 Dicembre 2019

Napoli, che scivolone con Ancelotti: il tecnico doveva essere esonerato dopo Udine Tocca a Gattuso

Gattuso Ancelotti Napoli

during the serie A match between SSC Napoli and AC Milan at Stadio San Paolo on August 25, 2018 in Naples, Italy.

Non basta il 4 a 0 al Genk a Carlo Ancelotti per salvare la panchina. Il suo destino era segnato e la fuga di notizie delle scorse ore avevano anticipato il comunicato che la società aveva già preparato da ore. C’era solo un click da fare per cancellare Ancelotti dalla storia del Napoli nella maniera più assurda ed improvvida come tutta la fuga di notizie che in queste settimane ha raccontato le vicende più intime dello spogliatoio azzurro.

Ancelotti esonerato dopo il 4 a 0, il comunicato era pronto da 24 ore

Perché non esonerare Ancelotti dopo Udine? Il bilancio del tecnico era negativo e l’avvicendamento era nell’aria ma le modalità con il quale si è consumato sono da bollare. Uno schiaffo in pieno volto che Carletto non meritava. Ora toccherà a Gattuso dare verve e animus pugnandi alla squadra abulica e spenta delle ultime settimane. Servirà un’impresa per agguantare la zona Champions e per centrare quest’obiettivo ‘ringhio’ dovrebbe poter contare anche su Ibrahimovic.

‘Rimangono i rapporti di amicizia e rispetto reciproco’

Basterà per svoltare e salvare questa stagione? Di seguito la nota stampa con la quale il club azzurro ha annunciato alle 23:38 (il comunicato era pronto da almeno 24 ore) l’esonero di Ancelotti.

“La Societa Sportiva Calcio Napoli ha deciso di revocare l’incarico di responsabile tecnico della prima squadra al signor Carlo Ancelotti. Rimangono intatti i rapporti di amicizia, stima e rispetto reciproco tra la società, il suo presidente Aurelio De Laurentiis e Carlo Ancelotti“. Così parlò De Laurentiis, chissà se Ancelotti è dello stesso avviso.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *