Uccide il figlio di 7 anni, lo nasconde e tenta di ammazzare l’ex nel varesotto: ‘Papà non aprire l’armadio’, era ai domiciliari
2 Gennaio 2022

Morto Mario Macalli, per 18 anni alla guida della serie C: dal cambio di denominazione alla crisi dei club

Calcio in lutto per la scomparsa di Mario Macalli, tra i più longevi presidenti della Lega di terza serie. Originario di Crema, aveva 84 anni e da tempo lottava contro un brutto male che, nonostante la sua tenacia, ha preso il sopravvento. Dal 1962 al 1986 è stato presidente del Pergocrema.

Mario Macalli aveva 84 anni e lottava contro un brutto male

Nel 1977 il primo incarico negli organismi direttivi della Lega di serie C, nel Collegio Arbitrale e nella Federcalcio. Dal 1997 ha ricoperto il ruolo di presidente di Lega C dando vita successivamente alla Lega Pro prima del ritorno alla vecchia denominazione. Cinque mandati, 18 anni vissuti intensamente in una terza serie che iniziava a sfaldarsi. Un periodo delicato tra crisi societarie e problematiche di ordine pubblico che l’ha portato anche a rivedere la tradizionale suddivisione dei gironi per evitare incroci troppo infuocati. Vulcanico e sempre diretto, è stato spesso protagonista di infuocati botta e risposta con dirigenti di club e giornalisti.


Ghirelli: ‘Ha creduto nel ruolo della serie C come fucina di giovani e calcio dei comuni’

Nel 2009 la nomina a vice presidente della Figc. Un lungo percorso finito con un’inibizione di 6 mesi per aver registrato quattro marchi riconducibili a quattro potenziali società. “È morto Mario Macalli, dopo anni di grave malattia. I club di Lega Pro lo piangono con dolore, È stato il presidente della Serie C per tanti lunghissimi anni. Ha creduto fortemente nel ruolo della serie C, come fucina di giovani calciatori e il calcio dei Comuni d’Italia” – ha scritto su Twitter il presidente della Lega Pro Francesco Ghirelli.

Il dirigente è stato ricordato dal presidente della Figc Gravina: “Mario è nella storia della Lega Pro e del calcio italiano, con lui ho condiviso la passione per il professionismo di base e ho apprezzato, anche quando avevamo idee e visioni diverse, la sua onestà intellettuale”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *