mascherina
Scontro furioso sul Frecciargento Roma-Lecce: ‘Ti devi mettere la mascherina’ (VIDEO)
5 Giugno 2020
manuel ellis video
Usa, diffuso dal NYT il video di un altro afroamericano ucciso dagli agenti: ‘Non respiro’
6 Giugno 2020

Elefantessa uccisa, un arresto e 2 indagati: ‘Noci di cocco con esplosivo per intrappolare i cinghiali’

elefante

Emergono nuovi dettagli sulla morte dell’elefantessa nell’area del Silent Valley National Park, nel distretto di Palakkad del Kerala in India. La vicenda ha provocato indignazione in tutto il mondo con la foto del mammifero in dolce attesa che ha fatto il giro del mondo.

Elefantessa incinta uccisa con esplosivo: preso 35enne, indagato il proprietario di una piantagione e il figlio

Secondo quanto riferito da The Indian Express è stato tratto in arresto un 35enne, Wilson, originario di Edavanna a Malappuram. I funzionari della polizia locale hanno riferito che l’uomo era solito accamparsi con moglie e figlio nella zona dove è stato ritrovata morta l’elefantessa. Inoltre risultano indagati il proprietario della piantagione Abdul Kareem e suo figlio Riyasudheen che provengono da Alanalloor a Palakkad.

La polizia indiana: ‘Avevano piazzato una noce di cocco carica di esplosivo per catturare un cinghiale’

Ashique Ali U, ufficiale di Mannarkkad, ha riferito che Wilson aveva piazzato un’esca per catturare dei cinghiali. L’uomo avrebbe smentito di aver utilizzato un ananas ma che il frutto utilizzato per attirare l’attenzione dell’animale sarebbe stata una noce di cocco carica di esplosivo che è stata accidentalmente addentanta dall’elefante in cerca di cibo. L’episodio risale al 12 maggio con il mammifero che sarebbe morto dopo 15 giorni di agonia per le gravi ferite riportate alla mascella.

L’elefantessa incinta è morta dopo 15 giorni di agonia

Inoltre è stato precisato che l’elefantessa è stata avvistata con la bocca sanguinante intorno al 23 maggio da alcuni funzionari che avrebbero provato a curarla con dei medicinali. In seguito l’elefante è stato visto un ultima volta nel fiume dove è stato poi ritrovato privo di vita.

In India numerosi proprietari di piantagioni usano esche con petardi per intrappolare i cinghiali

Da rilevare che in questa zona dell’India i proprietari delle piantagioni di gomma utilizzano spesso esche con le noci di cocco (e altri frutti) con petardi per intrappolare i cinghiali. Metodo che è stato fermanente condannato in India e in tutto il mondo con la richiesta di provvedimenti esemplari nei confronti di chi ha provocato la morte dell’elefantessa incinta.

elefante morto ananas
L’elefantessa uccisa era incinta

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *