Uomini e Donne
Uomini e Donne, Gemma contro Isabella Ricci: ‘Sei ipocrita, hai una pagina sponsorizzata’, la replica (VIDEO)
15 Settembre 2021
Michele Merlo
Michele Merlo, il commosso ricordo ad Amici sulle note di un brano dell’artista
16 Settembre 2021

Mamma 21enne ritrovata morta dal compagno, suicida il killer: secondo femminicidio in pochi giorni nel vicentino

La provincia di Vicenza sconvolta da un nuovo femminicidio 5 giorni dopo il delitto di Rita Amenze a Noventa Vicentina. Una giovane mamma, Alessandra Zorzin, è stata uccisa a Montecchio Maggiore, in zona Valdimolino, mercoledì 15 settembre. Il suo assassino, Marco Turrin, si è suicidato ed è stato ritrovato dalle forze dell’ordine in serata. La ventunenne è stata ritrovata priva di vita dal compagno quando è rientrato nel primo pomeriggio a casa.

Alessandra Zorzin uccisa nel suo appartamento di Montecchio Maggiore, il delitto 5 giorni dopo il delitto di Rita Amenze

Secondo una prima ricostruzione alcuni vicini avrebbero sentito dei colpi di pistola e visto un uomo fuggire, intorno alle 12, a bordo di una, Lancia Y nera che aveva parcheggiato in un piazzale nei pressi dell’abitazione della vittima. Le forze dell’ordine si erano subito mosse sulle tracce di un uomo che Alessandra Zorzin aveva conosciuto da poco. La giovane sarebbe stata raggiunta da un solo proiettile. La giovane lavorava come parrucchiera e si era trasferita nell’abitazione di contra’ Viale da circa un anno e mezzo. Alessandra “Ale” Zorzin adorava la sua bambina di due anni e ne postava ogni giorno foto diverse sia su Facebook che su Instagram.

Il 38enne Marco Turrin trovato morto nella sua auto

Nell’ultima si intravvede la figlia sul sedile posteriore dell’auto. Incredulità e rabbia a Montecchio Maggiore appena si è diffusa la notizia della morte della ventunenne. Marco Turrin è stato successivamente trovato morto nella sua auto in zona Vicenza Ovest. Il 38enne era una guardia giurata e risiedeva a Vigodarzene, nel padovano. Si di lui si erano subito concentrati i sospetti. Inutili i tentativi di rianimarlo. 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *