Capezzi Salernitana-Pordenone
Salernitana-Pordenone 0-2, pagelle e highlights: Kupisz sovrastato da Barison, Cicerelli meritava il gol
4 Gennaio 2021
azzolina ripresa scuola
Scuola, che caos: il rientro slitta all’11 gennaio ma molte Regioni annunciano date diverse
5 Gennaio 2021

Madre e figlia in terapia intensiva per Covid 19: la foto dell’ultimo saluto alla 76enne fa commuovere l’Inghilterra

ultimo saluto madre

Lo scatto dell’ultimo saluto della figlia alla madre fa commuovere l’Inghilterra. La quarantanovenne Anabel Sharma ha raccontato ai media inglesi gli ultimi istanti accanto alla mamma, la settantaseienne Maria Rico.

I medici dell’ospedale di Leicester hanno deciso di trasferire la madre vicino alla figlia quando si è aggravata

Entrambe sono state ricoverate a Leicester dopo essere risultate positive al Covid 19. In poco tempo sono finite in terapia intensiva le condizioni dell’anziana sono rapidamente peggiorate. Come riferisce il sito Metro i medici, con un gesto di grande sensibilità, hanno deciso di mettere madre e figlia una di fianco all’altra quando comprendono che il quadro clinico della settantaseienne è ormai compromesso.

Anabel Sharma viene informata della situazione e riesce a stringere per l’ultima volta la mano della madre ed ascoltare le ultime parole della congiunta attraverso il casco per l’ossigeno. La foto ha fatto il giro del web ed ha commosso l’intero Regno Unito.

La foto dell’ultimo saluto ha fatto il giro del web, Anabel ha assistito ai funerali in ospedale da uno schermo

Poche ore dopo Maria Rico è morta e la figlia ha assistito ai funerali tramite uno schermo in ospedale. Per Anabel il decorso ospedaliero è stato tutt’altro che agevole. La 49enne, mamma di tre figli, ha subito danni permanenti ai polmoni ed ha ancora bisogna dell’ossigeno per respirare.

La donna ha deciso di condividere la triste storia sulla pagina Facebook creata dal medico londinese Benji Rozen per far sensibilizzare le persone, soprattutto gli scettici, alla drammatica realtà del coronavirus.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *