Vincenzo De Luca
De Luca avverte sulla fase 2: ‘Chiudo i confini della Campania’
17 Aprile 2020
Pupo Cruciani
Pupo e Cruciani cantano insieme Virus contro Amore
17 Aprile 2020

Come funziona Immuni, l’app scelta dalla task force nominata dal Governo, commissario straordinario Domenico Arcuri, per il tracciamento dei casi di coronavirus in Italia e selezionata su oltre 300 proposte. Bending Spoons, l’azienda che l’ha creata, l’ha messa a disposizione dello Stato gratuitamente.

Immuni app download

L’app Immuni si potrà scaricare liberamente e non sarà obbligatorio installarla con il download che sarà su base volontaria.

Come funziona app Immuni

Nel dettaglio nel caso in cui si venga sottoposti a test per coronavirus, con un codice il cittadino può caricare su un server i dati raccolti dalla sua app Immuni, compresa la lista anonima delle persone a cui è stato vicino.

Il server a sua volta calcola per ogni identificativo il rischio di esposizione all’infezione sulla base di parametri come la vicinanza fisica e il tempo, e genera una lista degli utenti più a rischio, ai quali è possibile inviare una notifica sullo smartphone.

Ma la app presenta anche una sorta di diario, nel quale a ciascun utente verranno chieste alcune informazioni rilevanti riguardanti anche la propria salute e che dovrebbe essere aggiornato tutti i giorni con eventuali sintomi.

Bending Spoons ha sviluppato l’App per la tracciabilità del coronavirus

Bending Spoons è una giovane azienda di sviluppo software di Milano. Fondata nel 2013 a Copenhagen da quattro italiani e un polacco che hanno poi deciso di trasferirsi in Italia un anno più tardi. Nel 2018 ha fatturato oltre 20 milioni di euro. Il nome deriva dall’aspirazione a realizzare imprese apparentemente impossibili.

Tra i co-fondatori c’è Matteo Danieli, ingegnere delle telecomunicazioni. “Nel corso della nostra storia abbiamo sviluppato moltissime app. Con 200.000 download al giorno il nostro volume di download è paragonabile a quello di Spotify” – riferì in un’intervista a La Stampa qualche anno fa.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *