Lorenzo Sonego
TENNIS Sonego non si ferma più, schiantato Evans: a Vienna in finale contro Rublev
31 Ottobre 2020
Johnson the sun
Lockdown Inghilterra dal 5 novembre per frenare il contagio da Covid 19 ma Boris Johnson non chiude tutto
1 Novembre 2020

Covid 19, il virus ‘sfonda’ e fa saltare i piani di Conte: nuovo Dpcm tra lockdown e nuove chiusure

Conte dpcm

Non doveva accadere ma è accaduto e non c’è tempo, almeno ora, per i processi. Il Governo si trova di fronte ad un bivio dopo aver optato per soluzioni soft. Quasi 300 morti oggi 31 ottobre e oltre 31.000 casi con l’epidemia da Covid 19 che è ampiamente diffusa in tutto il Paese. Lombardia, Campania, Piemonte, Valle d’Aosta ma anche Lazio e provincia autonoma di Bolzano presentano le situazioni più delicate.

Vertice con le Regioni, lunedì 2 novembre la giornata decisiva per il nuovo Dpcm

Conte avrebbe voluto aspettare prima di predisporre un nuovo Dpcm con misure più rigorose ma il tempo stringe e il virus non dà tregua. In giornata si è riunito il Comitato Tecnico Scientifico e domenica mattina, 1° novembre, l’esecutivo terrà un vertice con le Regioni prima di una verifica con la maggioranza. Si ragiona su varie ipotesi. La giornata di lunedì 2 novembre sarà decisiva con il Dpcm che dovrebbe essere operativo tra martedì 3 e mercoledì 4 novembre.

Nuovo Dpcm 2 novembre, le possibili misure del Governo

Stop spostamenti tra le regioni. Sembra quasi certo il divieto dello spostamento tra la Regioni. Come accaduto durante il lockdown ci potrà muovere – con autocertificazione – per motivi di lavoro, per esigenze di salute e per comprovate esigenze familiare.

Lockdown grandi città e province. L’ipotesi messa sul tavolo dal premier Conte non convince tutti i Governatori ma non è da escludere che allla fine venga messa in atto. In sintesi il lockdwon scatterebbe per metropoli come Napoli e Milano, particolarmente colpite dall’epidemia, e nelle aree dove la situazione è più critica. Il Governatore della Campania, Vincenzo De Luca, ha chiesto che il lockdown riguardi tutto l’intero territorio italiano.

Attività commerciali. Probabile chiusura per le attività commerciali non essenziali per limitare ulteriormente le possibilità di uscita ma anche con la speranza che le misure più rigorose frenino l’impennata dei contagi e salvino lo shopping natalizio (si riaprirebbe ad inizio dicembre).

Scuola. Con il trascorrere delle ore prende corpo l’ipotesi di chiusura delle scuole nonostante la ferma opposizione del Ministro della Pubblica Istruzione, Azzolina. Sicuramente per le superiori si procederà ovunque con la didattica a distanza ma lo stop alla fine dovrebbe arrivare anche per elementari e medie.

Europa. Dopo la Francia, in lockdown, anche l’Austria ha deciso di bloccare tutto per un mese. Viaggia verso il confinamento anche la Gran Bretagna, lockdown parziale per la Grecia.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *