juice wrld morto
Morte Juice Wrld: aperta inchiesta sul decesso del rapper, disposta l’autopsia
8 Dicembre 2019
vulcano nuova zelanda eruzione video
Eruzione vulcano Nuova Zelanda, il video da brividi del Whakaari: morte e terrore
9 Dicembre 2019

Notte di paura a Firenze con i residenti che sono stati letteralmente sobbalzati dal letto da un forte scossa di terremoto di magnitudo 4,5. Il sisma è stato registrato dall’Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia intorno alle 4:37 con epicentro localizzato a quattro chilometri da Scarperia e San Pietro ad una profondità di nove chilometri. La scossa principale era stata preceduta da un intenso sciame sismico.

Lungo sciame sismico tra Scarperia e S. Pietro e Barberino del Mugello e scosse di assestamento in serie

In seguito sono state registrate una serie di scosse di assestamento, 16 nel giro di un’ora, tra Scarperino e Barberino del Mugello, la più forte di magnitudo 3.2 rilevata alle 5:29 dall’Ingv. La forte scossa che ha interessato il fiorentino è stata avvertito a Bologna ed ha spinto diverse persone a lasciare le abitazioni per la paura. Alcuni danni si sono registrati a Barberino del Mugello con una crepa profonda che si è aperta nella chiesa di San Silvestro del comune. Inoltre sarebbero state registrate lesioni in altri edifici.

Danni alla chiese di Barberino, edifici lesionati, scuole chiuse a Borgo San Lorenzo

La protezione civile si è immediatamente attivata per i controlli del caso. Verifiche sono in corso a Viggio e Borgo San Lorenzo. “Si muovevano le ante dell’armadio” – ha dichiarato un’utente fiorentina su Twitter. Ma la scossa è stata avvertita anche a Lucca, Prato, Pisa, Siena , Carrara e Montecatini Terme.

I sindaci dei comuni interessati sono immediatamente attivati con il primo cittadino di Borgo San Lorenzo che ha deciso per la chiusura delle scuole. Provvedimento analogo anche a Barberino. Aperto un centro operativo comunale presso il campo sportivo di Viggio per i residenti che non volessero restare nella propria abitazioni. Chiusi alcuni tratti stradali.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *