wanda nara stivali
Wanda Nara pubblica una foto di Maxi Lopez in Stories dopo la nuova rottura con Icardi
5 Novembre 2021
GF Vip, nuovo scivolone di Alex Belli: ‘Le donne sono provocatorie ed allora è giusto che siano picchiate?’ (VIDEO)
5 Novembre 2021

Roma, allontanata la nomade: l’86enne rientra nella casa occupata abusivamente ma trova un’amara sorpresa

Finalmente è riuscito a rientrare nella sua abitazione dopo aver vissuto giorni da incubo. L’86enne Ennio Di Lalla è rientrato venerdì 5 novembre nella sua abitazione nel quartiere Don Bosco, a Roma. Una lieta notizia con un’amara sorpresa. L’abitazione è stata saccheggiata e devastata da chi aveva deciso di viverci abusivamente. “Piango per i ricordi andati in fumo ma ringrazio chi mi ha aiutato a rientrare tra le mura di casa” – ha spiegato l’uomo accompagnato dal legale di fiducia, Alessandro Olivieri. L’operazione di sgombero è stata eseguita dai carabinieri.

Ennio Di Lalla ha trovato l’abitazione saccheggiata e devastata: ‘Mi dispiace per i ricordi ma almeno ho riavuto la casa’

L’anziano l’aveva trovata occupata da un’abusiva il 13 ottobre dopo essersi assentato qualche giorno per accertamenti medici. “Qui ci abito io” – aveva detto la rom che si era insediata nell’appartamento con la figlia e il cane dopo aver cambiato la serratura. L’anziano aveva immediatamente allertato le forze dell’ordine che, dopo aver parlato con la donna, lo invitarono ad allontanarsi spiegandogli che non essendoci flagranza di reato non avrebbero potuto procedere allo sfratto forzato, per il quale sarebbe stata necessaria una sentenza del giudice.

I carabinieri hanno sfrattato la 28enne dall’abitazione del quartiere Don Bosco: ‘Non sapevo fosse abitata’

Dopo tre settimane è arrivata la pronuncia del magistrato che ha permesso ad Ennio Di Lalla di tornare nella sua abitazione. Ora si ritrova a vivere una nuova violenza con una casa da rimettere a posto dopo essere stato costretto a riparare per giorni altrove senza vestiti. La ventottenne viveva nel campo nomadi di Gordiani prima di occupare lo stabile nel quartiere Don Bosco. “Non sapevo fosse abitata, non c’era neanche un materasso” – ha riferito ai militari per giustificarsi. Indagini sono in corso per comprendere chi l’ha avvisato che Di Lalla si sarebbe allontanato per qualche giorno.

L’abitazione devasta di Ennio Di Lalla

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *